SHARE: EU AID VOLUNTEERS SUPPORT HUMANITARIAN ACTION FOR RESILIENCE AND EMPOWERMENT

Progetto: Il progetto SHARE inizia nell’ottobre 2019 e si conclude a settembre 2021. Coinvolge 16 organizzazioni da 11 paesi differenti: Italia, Francia, Spagna, El Salvador, Perù, Bolivia, Indonesia, India, Palestina, Marocco e Ghana. L’ambizione del progetto è quella di dare alle organizzazioni dei paesi del Sud del mondo le abilità necessarie per preparare, gestire e valutare gli interventi attuabili in supporto alle comunità locali, al fine di ristabilirsi dopo disastri naturali o nati dalla presenza dell’uomo. Questo sarà reso possibile tramite la scelta, la preparazione e la mobilitazione di 34 volontari europei che porteranno alle Organizzazioni Ospitanti le loro competenze. Per lo stesso motivo il progetto prevede delle attività di potenziamento delle capacità, per rinforzare i partner stessi.

Obiettivi:
OBIETTIVO GENERALE: Permettere alle Organizzazioni Ospitanti di acquisire maggiori competenze ed autonomie nella stesura e gestione di progetti volti a promuovere l’aiuto umanitario nelle iniziative di sviluppo sostenibile per le comunità vulnerabili.
OBIETTIVI SPECIFICI:
• Selezionare, preparare, inviare, monitorare e valutare 34 volontari europei che forniranno contributi tecnici specifici alle 11 associazioni dei paesi non-europei. Selezionare e attivare 2 volontari on-line che aiuteranno a diffondere i bandi ed i report, che sceglieranno il materiale per i bisogni specifici. Il supporto da loro portato permetterà alle associazioni di sviluppare maggiori competenze ed autonomie.
• Fornire alle 11 associazioni non-europee abilità, mezzi e metodi per progettare interventi di sostegno allo sviluppo della popolazione e sarà fatto attraverso sessioni di formazione e di scambio di buone pratiche di intervento. Per cercare di soddisfare i bisogni di ogni organizzazione, le associazioni europee insieme ai volontari svilupperanno sessioni differenti per rivolgersi alle specificità delle ONG locali.
La difficoltà principale per molte organizzazioni che supportano le comunità fragili o colpite da disastri è collegare il soccorso, la riabilitazione e lo sviluppo. La capacità di ripresa di queste comunità dopo le crisi richiede che l’aiuto umanitario offerto durante i momenti peggiori sia velocemente seguito da azioni volte al recupero economico ed alla sostenibilità sul lungo periodo.

Luoghi di svolgimento: Italia, Francia, Spagna, El Salvador, Perù, Bolivia, Indonesia, India, Palestina, Marocco e Ghana.

Durata: 01/10/2019 – 30/09/2021

Beneficiari: Le 11 organizzazioni di paesi del sud del mondo coinvolti e i 36 volontari

Risultati auspicati: 34 volontari saranno selezionati e formati (inclusi corsi sulla sicurezza e sul territorio), saranno inviati per 6, 8, 9, 10 o 12 mesi a sostenere un’associazione del sud del mondo. Durante la loro permanenza svilupperanno e porteranno a termine progetti con i partners in loco, li supporteranno anche tramite le loro conoscenze nei campi di competenza. Durante la permanenza, i volontari saranno monitorati da figure di riferimento sia delle Organizzazioni Invianti che Ospitanti. I 34 progetti saranno valutati e supportati dalle associazioni partner durante e dopo il progetto Share. 2 volontari on-line saranno selezionati per 6 o 12 mesi al fine di supportare la formazione e la visibilità.

Attività:
OBIETTIVO SPECIFICO 1
• Selezionare, preparare, inviare, monitorare un volontario junior di supporto a DEJAVATO (Indonesia) per la visibilità, le relazioni pubbliche e la promozione.
• Selezionare, preparare, inviare, monitorare un volontario senior e un volontario junior di supporto a JRP (India) per il coordinamento dello staff e lo sviluppo di progetti, per l’implemento di attività educative per bambini e di reti di sicurezza per la comunità.
• Selezionare, preparare, inviare, monitorare due volontari senior e sue volontari adulti di supporto a HSA (Palestina) per le attività di comunicazione, relazioni pubbliche, capacità amministrative e manageriali.
• Selezionare, preparare, inviare, monitorare un volontario senior e un volontario adulto per il supporto a GDCA (Ghana) per lo sviluppo di progetti, dell’organizzazione interna e di capacità.
• Selezionare, preparare, inviare, monitorare un volontario senior e un volontario junior di supporto a ASTICUDE (Marocco) per le attività amministrative, l’implemento di progetti per la comunità con rifugiati e migranti, per la gestione di strategie di comunicazione online.
• Selezionare, preparare, inviare, monitorare 5 volontari junior e un volontario senior di supporto a ASPEm Bolivia (Bolivia) per lo sviluppo, la sensibilizzazione e l’educazione riguardo allo sfruttamento delle terre ed alla sicurezza alimentare; 3 volontari senior di supporto a CPMGA (Bolivia) per attività educative e di formazione di volontari locali; due volontari junior e un volontario senior di supporto a FMK (Bolivia) per lo sviluppo organizzativo, le attività di comunicazione e sui diritti umani e dell’agricoltura.
• Selezionare, preparare, inviare, monitorare 3 volontari senior di supporto ad ASPEm Perù (Perù) per le attività di comunicazione e di ricerca sui mercati locali; 2 volontari senior e 3 volontari junior di supporto ad APRODEH (Perù) per la produzione agro-ecologica, la gestione del settore agricolo e la comunicazione.
• Selezionare, preparare, inviare, monitorare 3 volontari senior di supporto a APY El Salvador (El Salvador) per il settore dei media e delle comunicazioni, per il monitoraggio e la valutazione dei progetti e per lo sviluppo e l’acquisizione di capacità.
• Selezionare, preparare, monitorare 2 volontari online di supporto ad ASPEm per la ricerca e la selezione di opportunità e materiali utili per le sessioni di training delle altre associazioni.
OBIETTIVO SPECIFICO 2:
• Organizzazione e partecipazione ad un meeting di 2 giorni per le 3 organizzazioni Europee per condividere i bisogni delle relative Organizzazioni Ospitanti e i dettagli riguardo al monitoraggio ed alla supervisione dei progetti.
• Visita da parte delle 3 Organizzazioni Invianti alle 6 Organizzazioni Ospitati che partecipano ad un progetto di deployment europeo per la prima volta o per le quali Share è la prima occasione di collaborazione.
• Progettazione da parte dei volontari e delle Organizzazioni Ospitanti di un piano di formazione, che verrà poi implementato dalle Organizzazioni Invianti.

Associazioni e partner coinvolti:
• A.D.I.C.E, Association pour le Development des Initiatives Citoyennes et Européennes, con sede a Roubaix, Francia.
• Fundaciòn para la Cooperaciòn APY Solidaridad en Acciòn, con sede a Siviglia, Spagna.
• ASPEm Perù, Asociaciòn Solidaridad Paìses Emergentes, con sede a Lima, Perù.
• ASPEm Bolivia, Asociaciòn Solidaridad Paìses Emergentes, con sede a La Paz, Bolivia.
• C.P.M.G.A, Centro de Promociòn de la Mujer Gregoria Apaza, con sede a El Alto, La Paz – Bolivia
• Ghana Developing Communities Association, con sede a Tamale, Ghana.
• DEJAVATO FOUNDATION, con sede a Semarang, Indonesia.
• JRP, JEEVAN REKHA PARISHAD, con sede a Bhubaneswar, India.
• HSA – Human Supporters Association con sede a Nablus, Palestina
• Association thissaghnasse pour la culture et le développement, con sede a Nador, Marocco.
• Fundaciòn para la Cooperaciòn APY-Solidaridad en Acciòn, con sede a Mejicanos, El Salvador
• Fundaciòn Munasim Kullakita con sede a El Alto – La Paz, Bolivia
• APRODEH – Association PRO Derechos Humanos con sede a Lima, Perù
• CSV Insubria: Centro di Serizio per il Volontariato con sede a Varese, Italia
• Congregazione Figli dell’Immacolata con sede a Roma, Italia

Finanziatori: il progetto è co-finanziato dall’Unione Europea

XCHANGE: EXCHANGE OF GOOD PRACTICES AND COOPERATION IN HUMANITARIAN ACTION TO GENERATE ENGAGEMENT

Progetto: Il progetto XCHANGE inizia nel novembre 2019 e si conclude a ottobre 2020. Coinvolge 17 organizzazioni da 10 paesi differenti: Italia, Spagna, Slovacchia, Etiopia, Kenya, Mozambico, Guatemala, Colombia, Perù e Serbia. Lo scopo generale del progetto è quello di dare ai partner le abilità di gestire i volontari nel quadro delle iniziative EU Aid Volunteer e apprendere buone pratiche di aiuto umanitario, gestione dei volontari e sviluppo delle comunità locali. Grazie al progetto XCHANGE, le associazioni partecipanti avranno piena conoscenza delle strutture e dei principi del volontariato europeo, delle procedure per ottenere la certificazione e dei metodi di selezione e monitoraggio dei volontari.

Obiettivi:
OBIETTIVO GENERALE: Permettere alle Organizzazioni Ospitanti di acquisire maggiori competenze ed autonomie nella gestione dei volontari, nel raggiungimento degli standard per accedere alle procedure e strutture dell’iniziativa EU Aid Volunteer e promuovere una rete di collaborazione e di scambio di conoscenze fra associazioni che si occupano di volontariato.
OBIETTIVI SPECIFICI:
1. Fornire ai partner le abilità e metodologie necessarie per raggiungere gli standard e le procedure per fare domanda come Organizzazione Inviante/Ospitante all’Unione Europea.
2. Fornire a tutti i membri del progetto sessioni di formazione specifica per migliorare la gestione di volontari locali ed internazionali.
3. Condividere tra tutti i partner di progetto strumenti, buone pratiche e metodi di gestione (anche quotidiana) dei volontari, con l’obiettivo di creare e rafforzare collaborazioni nazionali e locali con altre associazioni impegnate nel volontariato.

Luoghi di svolgimento: Italia, Slovacchia, Spagna, Etiopia, Kenya, Mozambico, Guatemala, Colombia, Perù e Serbia.

Durata: 01/11/2019 – 31/10/2020

Beneficiari: Le 10 organizzazioni di paesi del sud e dell’est del mondo

Risultati auspicati: Tutte le Organizzazioni partner di progetto condivideranno una strategia, dei metodi e degli strumenti per la gestione dei volontari internazionali e locali. Saranno organizzati molteplici incontri e workshop online e residenziali per il monitoraggio ed il confronto delle attività di ogni Organizzazione. Un volontario online sarà selezionato da ASPEm attraverso un bando dell’UE e collaborerà alla ricerca e definizione dei documenti e degli strumenti utili. Le Associazioni del sud o dell’est del mondo creeranno una rete di collaborazione con partner locali e diventeranno il loro punto di riferimento in loco. Verrà redatta una lista di buone pratiche e di documenti da condividere online e rendere pubblica.

Attività:
OBIETTIVO SPECIFICO 1:
• ASPEm e ADRA condivideranno con ALBOAN, SVI e MMI le conoscenze riguardo ai meccanismi di certificazione dell’Unione Europea acquisite con l’esperienza: Ogni Organizzazione Inviante stila una lista dei documenti necessari ed inizia ad organizzare con la/le propria/e Organizzazione Ospitante il programma del futuro workshop residenziale/online.
• Workshop residenziale con tutti i partner con argomenti: salute e sicurezza, valutazione dei bisogni e profilo del volontario, gestione dei volontari con un approfondimento sulla gestione interculturale, gestione e valutazione dei conflitti.
• Workshop online per la preparazione dei documenti necessari per presentare la domanda di certificazione all’Unione Europea
• Workshop residenziali per inviare le domande di certificazione, tre in totale, uno per ogni stato.
OBIETTIVO SPECIFICO 2:
• 3 riunioni online tra l’Organizzazione Inviante e ASPEm Perù per preparare la sessione di formazione residenziale che si terrà in Etiopia per i partner europei ed africani, in Perù per i partner sudamericani riguardo alla gestione dei volontari: condivisione delle metodologie di azione, definizione del programma, definizione della bozza della presentazione.
• Ad Addis Abeba, in Kenya e a Cusco, in Perù si terranno due sessioni di formazione residenziale che serviranno a tutti i partner per migliorare le loro conoscenze ed abilità nella gestione dei volontari
• 3 riunioni online tra l’Organizzazione Inviante e ASPEm Perù per preparare la sessione di formazione residenziale che si terrà in Serbia per i partner europei, in Colombia per i partner sudamericani e in Kenya per i partner africani riguardo alla gestione dei volontari: condivisione delle metodologie di azione, definizione del programma, definizione della bozza della presentazione.
• A Belgrado, in Serbia, a Nairobi, in Kenya e a Bogotà, in Colombia si terranno tre sessioni di formazione residenziale che serviranno a tutti i partner per migliorare le loro conoscenze ed abilità nella gestione dei volontari. Le sessioni forniranno anche gli strumenti per supportare i piani d’azione delle associazioni
OBIETTIVO SPECIFICO 3:
• Incontro residenziale e sessione di lavoro per le 5 Organizzazioni Invianti al fine di condividere le buone pratiche riguardo al volontariato e pianificare la realizzazione dell’intervento con le altre Organizzazioni. Definizione di una strategia di visibilità.
• Compilazione di una lista di Associazioni che si occupano di volontariato: ogni Organizzazione si occupa di recuperare i contatti nel proprio stato, in seguito le Organizzazioni Invianti creano una lista unica.
• Da parte di ASPEm avverrà la selezione tramite bando EU di un volontario on-line che si occuperà di ricercare nuovi documenti e strumenti utili da condividere con tutti i partner.
• Incontro di monitoraggio tra le 5 Organizzazioni Invianti a Belgrado per condividere gli aggiornamenti e le valutazioni del primo anno di progetto.
• Analisi da parte di ogni partner di progetto dei documenti e degli strumenti selezionati dal volontario online, verificando la compatibilità con le normative del proprio Stato, con seguente pubblicazione sui siti ufficiali.
• Organizzazione di eventi di diffusione, uno in ogni Stato in cui è presente un partner di progetto, con l’obiettivo di promuovere le iniziative e i benefici del volontariato europeo.

Associazioni e partner coinvolti:
• ADRA – Adventist Development and Relief Agency con sede a Bratislava, Slovacchia
• Fundaciòn ALBOAN, con sede a Bilbao, Spagna.
• Servizio Volontario Internazionale con sede a Brescia, Italia.
• Medicus Mundi Italia ONG ONLUS con sede a Brescia, Italia
• GIRL CHILD NETWORK con sede a Nairobi, Kenya
• Servizio Volontario Internazionale – International Voluntary Service con sede a Nairobi, Kenya
• Serviço Voluntário Internacional con sede a Maxixe (Inhambane), Mozambico
• Ass. CDRO – Asociación de Cooperación para el Desarrollo Rural de Occident con sede a Totonicapán, Guatemala
• ASEC – Asociación de Servicios Educativos y Culturales con sede a Ciudad de Guatemala, Guatemala
• JRS COL – Fundación Servicio Jesuita para Refugiados Colombia con sede a Bogotà, Colombia
• CCAIJO – Asociación Jesus Obrero con sede a Andahuaylillas – Cusco, Perù
• ASPEm Perù – Asociaciòn Solidaridad Paìses Emergentes, con sede a Lima, Perù.
• COVEKOLJUBLJE, DOBROTVORNA FONDACIJA SRPSKE PRAVOSLAVNE CRKVE con sede a Belgrado, Serbia
• MHO Merhamet-Sandzak – Muslim Humanitarian Organization “Merhamet – Sandzak” con sede a Novi Pazar, Serbia
• Ecumenical Humanitarian Organization con sede a Novi Sad, Serbia
• Ethiopian Catholic Church Social and Development Commission con sede a Addis Abeba, Etiopia
Finanziatori: il progetto è co-finanziato dall’Unione Europea

Il progetto “Sustainable Development through Humanitarian Aid Volunteers – SuD HAV 2” è la continuazione del progetto SuD HAV. Come il precedente, punta a sostenere associazioni di paesi extra UE con volontari umanitari esperti per lavorare in progetti locali e per aiutare i loro beneficiari. Le organizzazioni invianti (francese, italiana e estone), recluteranno, prepareranno, invieranno e valuteranno 44 volontari europei in 10 paesi in via di sviluppo (Tailandia, Nepal, India, Uganda, Kenia, Ghana, Peru, Bolivia, Ucraina e Palestina) per progetti di volontariato che vanno dai 6 ai 12 mesi. Le attività di volontariato si svolteranno principalmente nei settori dell’educazione, sviluppo comunitario, sviluppo gestionale, salute, sicurezza alimentare, agricoltura.

Accanto all’invio dei volontari, il progetto includerà diverse attività formative per rafforzare le capacita delle organizzazioni partecipanti nella gestione dei volontari. Numerose visite di studio e verranno realizzate dai partner extra-UE per coinvolgere e condividere la loro esperienza co altre associazioni del loro territorio.

Partner di progetto e volontari assicureranno lo svolgimento di attività di diffusione e e promozione delle attività progettuali e de loro risultato, e di promozione dell’iniziativa.

 

Obiettivi

OBIETTIVI GENERALI:

  1. Migliorare i progetti dei partner locali (nuovi metodi, strumenti e competenze);
  2. Migliorare il coordinamento dei progetti umanitari e di volontariato dei partner extra UE;
  3. Raggiungere e sviluppare un nuovo progetto umanitario per supportare le comunità locali;
  4. Acquisire nuove competenze e nuove esperienze come volontario EU Aid;
  5. Spargere ampiamente i valori, le attività, i risultati del progetto EU Aid Volunteers e global iniziative.

OBIETTIVI SPECIFICI:

  1. Supporto delle organizzazioni ospitanti e dei suoi beneficiari attraverso l’invio di 44 EU Aid Volunteers per rinforzare i loro progetti di aiuto umanitario, riabilitazione e sviluppo e costruzione di resilienza.
  2. Mantenere relazioni solide tra i 13 partner di progetto e rafforzare le capacità dei 10 partners Extra-UE e altre organizzazioni locali.
  3. Assicurare la visibilità del progetto e dell’iniziativa EU Aid Volunteers.

 

Luoghi di svolgimento e associazioni partner:

Il progetto unisce 13 partner: 3 dall’UE (organizzazioni invianti) e 10 da paesi in via di sviluppo (organizzazioni ospitanti) e si svolgerà nei luoghi in cui tali associazioni operano.

Durata: 01/10/2018 – 30/09/2020

Beneficiari:

le associazioni ospitanti situate nei paesi in via di sviluppo, 4.000 membri delle comunià locali, 1.100 studenti, 1.100 bambini, 200 leader locali.

 

Azioni:

Tutti i volontari parteciperanno a training sulla sicurezza prima della partenza. Durante la primavera 2019, visite di studio saranno effettuate dai partner UE in ogni extra-UE partner per definire i bisogni e le attività che saranno svolte dai volontari. Durante queste visite alcuni metodi e strumenti saranno condivise dai partner UE con quelli extra-UE per sviluppare la loro elasticità riguardo al loro contesto locale e riguardo agli eventuali rischi. A giugno 2019, i partner extra-UE avranno l’opportunità di partecipare a una sessione di formazione su tematiche rilevanti legatti alla gestione del volontariato umanitario. Infine, nell’estate 2020, visite di valutazione permetteranno di assicurare che tutte le misure e gli strumenti siano stati creati attraverso i progetti al fine di costruire resilienza e limitare rischi futuri  in seguito alla chiusura del progetto.

 

Attività:

1 – Invio di volontari

1. Thailand (Songkhla)

2 volontari  (1 senior, 1 junior)
Partner:  DaLaa – Settore: Educazione e gestione di progetto

 

2. Nepal (Kathmandu, Tarakeshwor, Okharpauwa)

6 volontari (2 junior, 4 senior)
Partner: VIN
Settore: Gestione progetti, educazione e sensibilizzazione, gestione volontari

 

3. India (Bhubaneswar)

5 volontari (3 junior, 2 senior)
Partner: OSVSWA
Settore: Gestione progetti, educazione e sensibilizzazione, gestione emergenze, sicurezza alimentare,gestione volontari

 

4. Kenya (Shianda)

8 volontari (1 junior, 7 senior)
Partner: Wefoco
Settore: Gestione progetti, educazione e sensibilizzazione, salute, sicurezza alimentare, sviluppo comunitario

 

5. Ukraina (Kyiv, Severodonetsk)

4 volontari (3 junior, 1 senior)
Partner: Postup
Settore: Comunicazione, educazione e sensibilizzazione, gestione emergenze

 

6. Palestina (Nabus)

2 volontari (junior)
Partner: HSA
Settore: Educazione e sensibilizzazione

 

7.  Bolivia (La Paz, EL Alto)

3 volontari (junior)
Partner: Fundación Munasim Kullakita
Settore: Comunicazione, tutela dell’infanzia

 

8. Perù (Lima, Abancay, Ayacucho)

5 volontari (junior)
Partner: Aprodeh
Settore: Gestione progetti, agroecologia, educazione e sensibilizzazione

 

9.  Uganda (Nansana Arua, Pakwach, Kikooba)

5 volontari (2 junior, 3 senior)
Partner: UPA
Settore: Sviluppo comunitario, questioni di genere, ICT, sicurezza alimentare

 

10. Ghana (Kongo)

Partner: KoCDA
Settore: Gestione progetti, sicurezza alimentare, questioni di genere

 

2 – Incontri di coordinamento, formazione, sopralluoghi e valutazioni, visite di studio

3 – Visibilità

 

Finanziatori:

il progetto è co-finanziato dall’Unione Europea.