Un dolce futuro per le donne del Chaco boliviano. La meliponicoltura come fonte di reddito sostenibile

Il progetto sviluppa un’attività generatrice di reddito nella filiera del miele a favore delle donne dei municipi di Monteagudo e Villa Vaca Guzman (parte dell’ Arcidiocesi di Sucre e tra i più poveri del Dipartimento di Chiquisaca). L’attività femminile in questo ambito è consolidata e consentirà un maggior riconoscimento del ruolo della donna nella società di appartenenza con rafforzamento della propria indipendenza economica. Il progetto, oltre a fornire reddito complementare all’attività tradizionale della zona, ha anche una valenza di tipo ambientale (protezione dei suoli e conservazione della biodiversità). L’obiettivo specifico è quello di promuovere l’utilizzo delle api melipone come fonte complementare di reddito per le famiglie di apicoltori e lo si otterrà grazie al raggiungimento di 3 importanti risultati: il consolidamento delle capacità tecniche di produzione di miele di melipone e derivati da parte delle donne; l’attivazione di un impianto di raccolta e trasformazione del miele e derivati in forma associata; la promozione di un sistema di commercializzazione differenziato dei prodotti di melipone. In sintesi le attività che garantiranno il raggiungimento di tali risultati iniziano con una formazione capillare su corrette e migliorate tecniche di gestione delle api e produzione del miele e dei suoi derivati (polline, propoli, cera), verranno impiegati formatori a cascata strettamente seguiti da tecnici specializzati, consulenti locali esperti della filiera del miele con la supervisione del partner operativo di progetto (F. Pasos di Sucre). Si punterà poi sull’incremento del numero di arnie per famiglia e diversificazione delle specie di melipone allevate; inoltre l’incremento delle specie floreali da polline e della quantitá di fiori disponibili garantirà una produzione piú regolare e di qualità così come l’avvio della produzione biologica certificata (sistema SPG) e garantita anche da analisi di laboratorio e nutrizionali. La diffusione e la vendita dei prodotti nel mercato boliviano saranno potenziati e supportati grazie al miglioramento organizzativo e gestionale della filiera: si promuoverá la costituzione di un’impresa sociale per la vendita associativa, si attiverá un fondo rotatorio per il pagamento ai produttori della fornitura di materia prima, si svilupperá un sistema di raccolta, si allestirá un impianto di raccolta e confezionamento del miele e prodotti complementari, si introdurrá un sistema di tracciabilità dei prodotti che ne identifichi l’origine. Le azioni commerciali saranno rafforzate da strategie di marketing. Campagne di sensibilizzazione ai consumatori valorizzeranno l’importanza del consumo di miele di melipone per l’alimentazione umana e la rilevanza ecologica delle api per l’ambiente e la conservazione della vita.

Obiettivi: GENERALE: Migliorare le condizioni di vita della famiglie che si dedicano all’apicoltura nei municipi di Monteagudo e Villa Vaca Guzmán. SPECIFICO: Promuovere l’utilizzo delle api melipone come fonte complementare di reddito per le famiglie di apicoltori.

Luogo di svolgimento: Bolivia – Chaco boliviano: Monteagudo e Villa Vaca Guzman. 

Beneficiari: 315 donne produttrici appartenenti alle 35 comunità coinvolte ed alle 7 organizzazioni di produttori, beneficiaria indiretta sarà l’intera popolazione di Municipi di Montegudo e Villa Vaca Guzman (24.303 e 9.720 abitanti rispettivamente).

Associazioni partner F. Pasos, a Villa Vaca Guzman: APIMEC, AEIFO EL CHE, AAAGSA; e a Montegudo: CADEMA, AESIM, ASAIN EL TAJIBO.

 

La proposta di progetto è coerente alla Programmazione Triennale 2015-2017 della Cooperazione Italiana, che indica come priorità l’intervento in Bolivia, con particolare riferimento a: good governance e diritti di popoli/minoranze indigene, la resilienza al cambiamento climatico e lo sviluppo rurale tramite il rafforzamento di partenariati locali per migliorare la gestione e la tutela dell’ambiente, il settore agro-pastorale, la valorizzazione del patrimonio socio-culturale collettivo, l’istruzione e lo sviluppo del turismo comunitario sostenibile. Inoltre si allinea alle linee guida tematiche per quanto riguarda: ambiente e territorio, la sicurezza alimentare, la lotta alla povertà, l’uguaglianza di genere e la salute interculturale (promozione della medicina tradizionale). Col fine inoltre di garantire una sinergia e complementarietà con le amministrazioni locali e di promuovere la sostenibilità: finanziaria, istituzionale, ambientale, la valorizzazione dei saperi ancestrali del popolo Uru Chipaya (minoranza indigena) adottando anche innovazioni tecnologiche. 

 

Obiettivi: GENERALE: Contribuire a migliorare le condizioni socio-economiche del popolo Chipaya attraverso azioni sostenibili di economia comunitaria e il rafforzamento organizzativo, in linea con le priorità degli enti pubblici locali e le politiche del governo. SPECIFICI: Migliorare la gestione del patrimonio culturale e socio-ambientale del popolo Chipaya, come elementi portanti della propria natura resiliente, attraverso strumenti di innovazione sociale e inclusive business.

La strategia proposta tende ad affrontare le problematiche e i principali bisogni emersi nei precedenti interventi. I risultati che verranno perseguiti sono:

R1: Migliorata la gestione delle risorse nel territorio Chipaya mediante la promozione e il rafforzamento di una visione di comunità autonoma indigena produttiva e resiliente.

R2: Rafforzato il protagonismo dei giovani nella tutela e trasmissione della cultura Chipaya, attraverso l’incorporazione delle pratiche ancestrali nei programmi scolastici, nuove modalità ludico-pedagogiche e l’introduzione delle TIC.

R3: Migliorate le condizioni socio-economiche degli abitanti del municipio attraverso azioni imprenditoriali di turismo comunitario inclusive e rispettose del patrimonio culturale Chipaya.

Luogo di svolgimento: il progetto si svolgerà nella città di Chipaya, in Bolivia nel dipartimento di Oruro. 

Durata prevista: 01/03/2017 – 28/02/2020

Beneficiari: il popolo Chipaya che abita l’omonima città boliviana. 

Azioni:

  • A1.1: Pianificazione per la gestione del territorio
  • A1.2: Promozione di iniziative produttive integrate allo sviluppo sostenibile del territorio e alla riduzione dei rischi climatici
  • A1.3: Realizzazione di fondi a concorso per l’analisi e lo sviluppo di iniziative produttive delle donne Chipaya
  • A1.4: Sviluppo di Comunità di pratica per la capitalizzazione e diffusione di buone pratiche produttive e di gestione
  • A1.5: Rafforzamento della radio locale come strumento di diffusione di informazioni e creazione di dibattito sulla gestione territoriale partecipativa
  • A2.1: Realizzazione di laboratori con i giovani sulla gestione territoriale basata su criteri di autonomia indigena
  • A2.2: Promozione della medicina inter-culturale
  • A2.3: Promozione della sovranità alimentare e dell’alimentazione sana
  • A2.4: Laboratori di espressione artistica e culturale con studenti/esse
  • A2.5: Promozione di metodologie pedagogiche alternative
  • A2.6: Rafforzamento delle conoscenze rispetto alle TIC, attraverso corsi di informatica
  • A2.7: Preparazione partecipativa di programmi scolastici innovativi e contestualizzati alla cultura Chipaya
  • A3.1: Pianificazione e gestione dello sviluppo turistico
  • A3.2: Creazione e miglioramento dei servizi di accoglienza
  • A3.3: Promozione e diffusione dell’offerta turistica in Bolivia
  • A3.4: Promozione e diffusione dell’offerta turistica in Italia

Associazioni e partner coinvolti: 

  • soggetto proponente: COOPI Cooperazione Internazionale (COOPI).
  • partner: Centro Boliviano de Estudios Multidisciplinarios – CEBEM, Governo Autonomo Municipale di Chipaya, Gruppo di Volontariato Civile – GVC ONLUS, Associazione Solidarietà Paesi Emergenti – ASPEm.

Finanziatori: il progetto è co-finanziato da AICS. 

La comunità di Chocaya è una comunità campesina in cui la maggior parte delle persone si dedica all’agricoltura. I prodotti principali sono patate e ortaggi. Molti si dedicano anche alla floricoltura. Le 106 famiglie affiliate all’associazione locale sono di cultura quechua e si dedicano ad attività agropecuarie; i loro terreni si trovano nei pressi del Parco Nazionale Tunari, dove la comunità ha appezzamenti di proprietà privata e di proprietà collettiva. La comunità decise di dedicare le terre collettive (circa 35 ettari) a zona boschiva, proprio perché vicine al Parco Nazionale Tunari. La presenza di turisti aumenta nel tempo; la comunità crea percorsi di educazione ambientale per bambini, offrendo servizi di ristorazione con prodotti tipici della zona e creando strutture per altri servizi. Nel 2016, un incendio devastante distrugge circa l’85% del bosco, incluse le strutture di servizio al turista. La comunità si sta adoperando per ricostruire ciò che è andato perso, in modo da riavviare le attività e offrire ai giovani del posto e alle famiglie un futuro, attraverso il lavoro. 

Luogo di svolgimento: Bolivia, comunità di Chocaya (provincia di Quillacollo, dipartimento di Cochabamba, Bolivia)

Durata del progetto: 1 anno, dal 1 febbraio 2020 al 31 gennaio 2021

Beneficiari: Beneficiari: 40 famiglie che vivono nella comunità e che sono già coinvolte da anni in attività di mantenimento del bosco e che porteranno avanti l’attività di turismo comunitario sostenibile. Le famiglie sono rappresentate da 22 uomini e 18 donne; all’interno di questo gruppo, 12 rappresentanti hanno meno di 25 anni.

Obiettivo: Il progetto intende rispondere alla necessità della comunità di Chocaya (provincia di Quillacollo, dipartimento di Cochabamba, Bolivia) di ridare vita all’attività di ricezione turistica nell’ottica del turismo sostenibile e comunitario al fine di migliorare le condizioni di vita di 40 famiglie e le prospettive lavorative dei giovani di Chocaya attraverso il lavoro generato dal turismo.

Azioni previste:

A1) Empowerment delle capacità gestionali, organizzative e amministrative.

A2) Riforestazione con alberi da frutto, alberi autoctoni e piante native, svolte dalla comunità.

A3) Formazione gastronomica e miglioramento della cucina del ristorante. 

A4) Formazione guide ambientali e acquisto strumenti per attività turistiche.

A5) Promozione delle attività a livello locale e in Italia: brochure e materiali informativi che possano essere utilizzati per promuovere le attività della comunità nelle istituzioni, in particolare nelle scuole dell’area e della città di Cochabamba. In Italia, a carico di Fratelli dell’Uomo, è prevista la comunicazione del progetto insieme ad un workshop di storytelling. 

A6) Rinnovamento ristorante al quale la comunità contribuirà fornendo mano d’opera. 

Associazioni e partner coinvolti: partner locale: RED TUSOCO – Red boliviana de turismo solidario comunitario: promuove il turismo comunitario solidale, lavora con comunità indigene e campesinas per favorire inclusione e partecipazione attraverso il turismo sostenibile, attività che è in grado di migliorare le condizioni economiche di molti. Da tempo lavora con la comunità di Chocaya nell’ottica di un processo trasversale che include formazione, accompagnamento tecnico, valorizzazione dell’identità culturale e delle risorse locali.

Finanziatori: Tavola Valdese

Il progetto mira allo sviluppo rurale e alla sicurezza alimentare delle aree rurali e  peri-urbane di Cochabamba e al consumo di cibo sano nella città capoluogo del dipartimento. L’obiettivo sarà conseguito attraverso una formazione specifica alle famiglie di contadini locali e successivo monitoraggio della produzione agro-ecologica; la certificazione biologica dei prodotti freschi; la trasformazione degli stessi in prodotti con maggior valore aggiunto da offrire nel mercato locale anche  tramite l’implementazione di una nuova piattaforma on-line che avvicini il produttore al consumatore in una ottica di filiera corta. Per migliorare la visibilità dell’offerta e sensibilizzare il consumatore è prevista la partecipazione ad eventi quali fiere espositive ed alimentari locali, nazionali ed internazionali.

Obiettivi:

  • GENERALE Contribuire  alla sovranità e alla sicurezza alimentare per lo sviluppo agricolo ed il consumo di cibo sano nell’area urbana e rurale di Cochabamba.
  • SPECIFICO consolidare le conoscenze tecniche nella produzione agricola biologica degli agricoltori dell’area rurale e peri-urbana di Cochabamba e stimolare l’incontro diretto tra produttore e consumatore, al fine di garantire un prezzo equo di vendita ed il consumo di cibo sano per la cittadinanza di Cochabamba e delle aree limitrofi.

E’ un progetto di ASPEm con Partner locale di progetto CIOEC – Cochabamba (Coordinadora de Integraciòn de Organizaciones Economicas Campesinas de Cochabamba)

Durata del progetto 12 mesi dal 1° giugno 2019 al 31 maggio 2020

Beneficiari:

  • diretti: 140 famiglie contadine del dipartimento di Cochabamba per un totale di circa 600 persone.  70 donne formate per la trasformazione dei prodotti. Clienti del negozio “Kampesino” di Cioec a Cochabamba e nuovi clienti della piattaforma on-line.
  • indiretti: 1.200 associati di CIOEC;  30.000 persone che parteciperanno alle fiere espositive.

Finanziamento 8x mille Chiesa Valdese euro 40.000,00