Un dolce futuro per le donne del Chaco boliviano. La meliponicoltura come fonte di reddito sostenibile

Il progetto sviluppa un’attività generatrice di reddito nella filiera del miele a favore delle donne dei municipi di Monteagudo e Villa Vaca Guzman (parte dell’ Arcidiocesi di Sucre e tra i più poveri del Dipartimento di Chiquisaca). L’attività femminile in questo ambito è consolidata e consentirà un maggior riconoscimento del ruolo della donna nella società di appartenenza con rafforzamento della propria indipendenza economica. Il progetto, oltre a fornire reddito complementare all’attività tradizionale della zona, ha anche una valenza di tipo ambientale (protezione dei suoli e conservazione della biodiversità). L’obiettivo specifico è quello di promuovere l’utilizzo delle api melipone come fonte complementare di reddito per le famiglie di apicoltori e lo si otterrà grazie al raggiungimento di 3 importanti risultati: il consolidamento delle capacità tecniche di produzione di miele di melipone e derivati da parte delle donne; l’attivazione di un impianto di raccolta e trasformazione del miele e derivati in forma associata; la promozione di un sistema di commercializzazione differenziato dei prodotti di melipone. In sintesi le attività che garantiranno il raggiungimento di tali risultati iniziano con una formazione capillare su corrette e migliorate tecniche di gestione delle api e produzione del miele e dei suoi derivati (polline, propoli, cera), verranno impiegati formatori a cascata strettamente seguiti da tecnici specializzati, consulenti locali esperti della filiera del miele con la supervisione del partner operativo di progetto (F. Pasos di Sucre). Si punterà poi sull’incremento del numero di arnie per famiglia e diversificazione delle specie di melipone allevate; inoltre l’incremento delle specie floreali da polline e della quantitá di fiori disponibili garantirà una produzione piú regolare e di qualità così come l’avvio della produzione biologica certificata (sistema SPG) e garantita anche da analisi di laboratorio e nutrizionali. La diffusione e la vendita dei prodotti nel mercato boliviano saranno potenziati e supportati grazie al miglioramento organizzativo e gestionale della filiera: si promuoverá la costituzione di un’impresa sociale per la vendita associativa, si attiverá un fondo rotatorio per il pagamento ai produttori della fornitura di materia prima, si svilupperá un sistema di raccolta, si allestirá un impianto di raccolta e confezionamento del miele e prodotti complementari, si introdurrá un sistema di tracciabilità dei prodotti che ne identifichi l’origine. Le azioni commerciali saranno rafforzate da strategie di marketing. Campagne di sensibilizzazione ai consumatori valorizzeranno l’importanza del consumo di miele di melipone per l’alimentazione umana e la rilevanza ecologica delle api per l’ambiente e la conservazione della vita.

Obiettivi: GENERALE: Migliorare le condizioni di vita della famiglie che si dedicano all’apicoltura nei municipi di Monteagudo e Villa Vaca Guzmán. SPECIFICO: Promuovere l’utilizzo delle api melipone come fonte complementare di reddito per le famiglie di apicoltori.

Luogo di svolgimento: Bolivia – Chaco boliviano: Monteagudo e Villa Vaca Guzman. 

Beneficiari: 315 donne produttrici appartenenti alle 35 comunità coinvolte ed alle 7 organizzazioni di produttori, beneficiaria indiretta sarà l’intera popolazione di Municipi di Montegudo e Villa Vaca Guzman (24.303 e 9.720 abitanti rispettivamente).

Associazioni partner F. Pasos, a Villa Vaca Guzman: APIMEC, AEIFO EL CHE, AAAGSA; e a Montegudo: CADEMA, AESIM, ASAIN EL TAJIBO.

 

Il progetto si propone di contribuire a risolvere i problemi ancora presenti nella regione e soddisfare i bisogni più urgenti della popolazione di Butezi e continuare a percorrere la strada tracciata nel passato (dal 1979 al 1996 anno di inizio della crisi bellica ed umanitaria che ha investito il Burundi ed il Ruanda) e successivamente con il progetto di sviluppo agricolo e sicurezza alimentare realizzato nel biennio 2017-2019, implementando le azioni di miglioramento produttivo, la gestione dei terreni ed il miglioramento delle tecniche di coltivazione famigliari con un approccio agro-ecologico.  

L’iniziativa si propone di puntare ad un aumento del livello di autosufficienza del partner locale (CDS) Centro di Servizi Agricolo, operando direttamente sulla promozione delle singole famiglie del territorio e delle 4 cooperative agricole territoriali promosse dal CDS, spingendole ad una maggiore produttività e ad crescita in numero di soci. Si propone inoltre di avviare un percorso di miglioramento delle pratiche di conservazione del territorio a difesa dai processi di desertificazione attraverso programmi locali di riforestazione con la partecipazione di tutte le famiglie di Butezi e dei soggetti pubblici locali.

 

Obiettivi: 

  • Generale: contribuire al miglioramento delle condizioni di vita della popolazione del Comune di BUTEZI attraverso il sostegno al Centro di Sviluppo Sociale Butezi (CDS Butezi) per il rafforzamento delle associazioni di agricoltori locali e la diffusione delle buone pratiche in materia di sicurezza alimentare e igiene famigliare.
  • Specifico: rendere effettiva la sicurezza e la sovranità alimentare, l’abitudine ad una alimentazione sana ed  efficaci pratiche di conservazione del territorio, sia attraverso lo sviluppo di una agricoltura famigliare secondo il modello agro-silvo-pastorale, che attraverso lo sviluppo ed il potenziamento di un processo articolato di commercializzazione di prodotti agricoli e sementi certificate.

ATTIVITÀ: Il progetto si sviluppa implementando le seguenti  3 macro attività:

  • Formazione e produzione agro-zootecnica migliorata:  questa azione mira a dare elementi formativi a tutta gli agricoltori locali organizzati in associazioni agricole, per promuovere pratiche moderne ed una pianificazione comune delle attività dando in questo modo una risposta ai principali problemi che insorgono durante il lavoro quotidiano e generando un incremento del reddito procapite.  Le attività formative si svolgeranno attraverso l’allestimento di parcelle sperimentali per la produzione di colture orticole migliorate, di piante forestali, di sementi certificate e di piccoli allevamenti suinicoli e bovini, per poi diffondere le tecniche apprese a livello estensivo.
  • Promozione delle fattorie famigliari integrate (EFI): è un modello di sviluppo famigliare studiato e promosso in molti territori del Paese dalle Caritas nazionali attraverso un percorso di formazione comune a livello domestico mediato da un animatore rurale specializzato, che promuove la costituzione di singoli piani famigliari per il miglioramento della fragile economia domestica e delle abitazioni in cui dimorano. La metodologia è quella dell’apprendimento nel lavoro partendo da pratiche dimostrative e la riproduzione delle esperienze nelle nelle singole abitazioni.
  • Commercializzazione dei prodotti nei mercati locali: l’attività mira a formare il personale dirigente e tecnico del CDS verso la creazione di iniziative di aggregazione produttiva per la organizzazione di azioni trasformazione dei prodotti agricoli e la successiva commercializzazione verso i principali mercati localil e nazionali.

Luoghi di svolgimento: Butezi, comune situato nella regione naturale del Buyogoma e a nord-ovest della provincia di Ruyigi in Burundi

Partner locali: partner locale è il Centro di Sviluppo Sociale Butezi (CDS BUTEZI) un’organizzazione non-profit della diocesi cattolica di Ruyig sorta nel 1976, grazie a un gruppo di volontari laici religiosi con il supporto e l’assistenza di ASPEm che ha agito da intermediario tra i donatori e il Centro. Si trova nel comune di Butezi, nella provincia di Ruyigi, nella parte orientale del paese, a  150 km dalla capitale Bujumbura e a 52 km dalla nuova capitale politica Gitega  Il CDS ha inoltre fondato la UNICOOP, un’unione di cooperative composte da un panificio, un mulino, una sartoria, un’officina meccanica e una carpenteria. Attorno al Centro ruotano anche  due associazioni agricole, Kerebuka e Twungubumwe, costituite ognuna da 12 famiglie contadine (circa 60 membri per ogni associazione) che si dedicano all’agricoltura e all’allevamento e che gestiscono i terreni del CDS

Durata prevista: questa seconda fase avrà la durata di 1 anno a partire dal 1 settembre 2019 e fino a settmbre 2020

Beneficiari: diretti sono state le 161 famiglie di agricoltori che hanno ricevuto un percorso di formazione integrale e le associazioni cooperative di Kebuko e Muyange (66 famiglie associate in 4 associazioni) per un totale do 223 persone. Indiretti: essendo la popolazione di Butezi per il 98% composta da famiglie di agricoltori e visto che la presenza di Aspem è storica e le attività del progetto di innesta in azioni precedenti, stimiamo che risultati indiretti possano aver raggiunto più del 70% delle famiglie e della popolazione locale, ossia un totale di 40.000 persone.

Finanziatore: Fondazione Peppino Vismara (FPV)

La comunità di Chocaya è una comunità campesina in cui la maggior parte delle persone si dedica all’agricoltura. I prodotti principali sono patate e ortaggi. Molti si dedicano anche alla floricoltura. Le 106 famiglie affiliate all’associazione locale sono di cultura quechua e si dedicano ad attività agropecuarie; i loro terreni si trovano nei pressi del Parco Nazionale Tunari, dove la comunità ha appezzamenti di proprietà privata e di proprietà collettiva. La comunità decise di dedicare le terre collettive (circa 35 ettari) a zona boschiva, proprio perché vicine al Parco Nazionale Tunari. La presenza di turisti aumenta nel tempo; la comunità crea percorsi di educazione ambientale per bambini, offrendo servizi di ristorazione con prodotti tipici della zona e creando strutture per altri servizi. Nel 2016, un incendio devastante distrugge circa l’85% del bosco, incluse le strutture di servizio al turista. La comunità si sta adoperando per ricostruire ciò che è andato perso, in modo da riavviare le attività e offrire ai giovani del posto e alle famiglie un futuro, attraverso il lavoro. 

Luogo di svolgimento: Bolivia, comunità di Chocaya (provincia di Quillacollo, dipartimento di Cochabamba, Bolivia)

Durata del progetto: 1 anno, dal 1 febbraio 2020 al 31 gennaio 2021

Beneficiari: Beneficiari: 40 famiglie che vivono nella comunità e che sono già coinvolte da anni in attività di mantenimento del bosco e che porteranno avanti l’attività di turismo comunitario sostenibile. Le famiglie sono rappresentate da 22 uomini e 18 donne; all’interno di questo gruppo, 12 rappresentanti hanno meno di 25 anni.

Obiettivo: Il progetto intende rispondere alla necessità della comunità di Chocaya (provincia di Quillacollo, dipartimento di Cochabamba, Bolivia) di ridare vita all’attività di ricezione turistica nell’ottica del turismo sostenibile e comunitario al fine di migliorare le condizioni di vita di 40 famiglie e le prospettive lavorative dei giovani di Chocaya attraverso il lavoro generato dal turismo.

Azioni previste:

A1) Empowerment delle capacità gestionali, organizzative e amministrative.

A2) Riforestazione con alberi da frutto, alberi autoctoni e piante native, svolte dalla comunità.

A3) Formazione gastronomica e miglioramento della cucina del ristorante. 

A4) Formazione guide ambientali e acquisto strumenti per attività turistiche.

A5) Promozione delle attività a livello locale e in Italia: brochure e materiali informativi che possano essere utilizzati per promuovere le attività della comunità nelle istituzioni, in particolare nelle scuole dell’area e della città di Cochabamba. In Italia, a carico di Fratelli dell’Uomo, è prevista la comunicazione del progetto insieme ad un workshop di storytelling. 

A6) Rinnovamento ristorante al quale la comunità contribuirà fornendo mano d’opera. 

Associazioni e partner coinvolti: partner locale: RED TUSOCO – Red boliviana de turismo solidario comunitario: promuove il turismo comunitario solidale, lavora con comunità indigene e campesinas per favorire inclusione e partecipazione attraverso il turismo sostenibile, attività che è in grado di migliorare le condizioni economiche di molti. Da tempo lavora con la comunità di Chocaya nell’ottica di un processo trasversale che include formazione, accompagnamento tecnico, valorizzazione dell’identità culturale e delle risorse locali.

Finanziatori: Tavola Valdese

Il progetto mira allo sviluppo rurale e alla sicurezza alimentare delle aree rurali e  peri-urbane di Cochabamba e al consumo di cibo sano nella città capoluogo del dipartimento. L’obiettivo sarà conseguito attraverso una formazione specifica alle famiglie di contadini locali e successivo monitoraggio della produzione agro-ecologica; la certificazione biologica dei prodotti freschi; la trasformazione degli stessi in prodotti con maggior valore aggiunto da offrire nel mercato locale anche  tramite l’implementazione di una nuova piattaforma on-line che avvicini il produttore al consumatore in una ottica di filiera corta. Per migliorare la visibilità dell’offerta e sensibilizzare il consumatore è prevista la partecipazione ad eventi quali fiere espositive ed alimentari locali, nazionali ed internazionali.

Obiettivi:

  • GENERALE Contribuire  alla sovranità e alla sicurezza alimentare per lo sviluppo agricolo ed il consumo di cibo sano nell’area urbana e rurale di Cochabamba.
  • SPECIFICO consolidare le conoscenze tecniche nella produzione agricola biologica degli agricoltori dell’area rurale e peri-urbana di Cochabamba e stimolare l’incontro diretto tra produttore e consumatore, al fine di garantire un prezzo equo di vendita ed il consumo di cibo sano per la cittadinanza di Cochabamba e delle aree limitrofi.

E’ un progetto di ASPEm con Partner locale di progetto CIOEC – Cochabamba (Coordinadora de Integraciòn de Organizaciones Economicas Campesinas de Cochabamba)

Durata del progetto 12 mesi dal 1° giugno 2019 al 31 maggio 2020

Beneficiari:

  • diretti: 140 famiglie contadine del dipartimento di Cochabamba per un totale di circa 600 persone.  70 donne formate per la trasformazione dei prodotti. Clienti del negozio “Kampesino” di Cioec a Cochabamba e nuovi clienti della piattaforma on-line.
  • indiretti: 1.200 associati di CIOEC;  30.000 persone che parteciperanno alle fiere espositive.

Finanziamento 8x mille Chiesa Valdese euro 40.000,00